La mia rondine!!!

26.02.2012 17:11

Un'altra bellissima poesia  che esprime tutta la sensualità, senza pudori perbenisti, di una donna libera e proprietaria delle sue emozoni...di goderne e disporne a suo piacimento senza alcuna costrizione!!!!!

Mauro

 

 
 
La mia rondine
by Rosanna Marani
La mia rondine
 
 
 
Noi donne
 
Noi donne perbene
 
Viste quando il pensiero conviene
 
Solo come Madonne
 
Noi donne
 
Noi donne sane
 
Viste quando il pensiero è inane
 
Solo puttane
 
Io donna
 
Non sono madonna
 
Non sono puttana
 
Dell’anima parlare si può
 
Ohibò
 
Rovistarla tutta
 
Anche con grossezza brutta
 
Succhiarle il sapore
 
Sentirne l’odore
 
Di romanticismo
 
Di puro lirismo
 
Lasciarle il volo
 
E mi consolo
 
Candido
 
Bianco
 
Stanco
 
Di colomba
 
Ma nei sussurri
 
Buzzurri
 
Ben di altro
 
Si dice
 
Far si deve come Euridice
 
Non la testa voltare
 
Non il sesso guardare
 
Non l’orgasmo godere
 
Ma nei sussurri
 
Buzzurri
 
Che san di volgare
 
Di sconcio
 
Di rancio
 
Per truppe di maschi
 
Laschi
 
In erezione
 
Che non lascerebbero
 
Come potrebbero?
 
Nessuna pulzella
 
Non sol la più bella
 
Indenne
 
Dalla scopata
 
Virtù offuscata
 
Tal la percezione
 
Basta
 
A punire la fanciulla
 
Vergine nella sua vita culla
 
Che deve apparire
 
Morire
 
Casta
 
Altrimenti immorale
 
La reputazione
 
Deve rimanere immortale
 
Non da desiderio colta
 
Da spasmo di contrazione
 
Eccitazione
 
Sensuale sensazione
 
Fatale
 
Che la ragazza
 
Sarebbe pazza
 
Della rondine
 
No non può parlare
 
La sua rondine
 
In gabbia ha da lasciare
 
Sacripante
 
Massacrante
 
Avere cucita
 
Ferita
 
La bocca
 
Le labbra
 
Quelle labbra di fuoco
 
Che non s’accontentan di poco
 
Far finta tocca
 
Per rimanere
 
Santa dipinta
 
Di non sentire
 
Nessun richiamo
 
Che urla la sua voce
 
Prima di essere messa
 
In croce
 
Che scatta
 
Voglia matta
 
Da sotto l’ombelico
 
Si lo so si lo dico
 
Va lontano
 
Serpeggia
 
Fa delle carni la sua reggia
 
Brucia ansima si torce
 
Le viscere contorce
 
Di piacere avvolge
 
Di libidine sconvolge
 
La mia rondine
 
Tenuta al chiuso
 
Riposta al disuso
 
Dai perbenisti
 
Della religione igienisti
 
Da ogni loro freno
 
Coglione
 
Vuole andare
 
Vuole liberamente parlare
 
Vuole provare tutta
 
Come succosa frutta
 
La sessualità naturale
 
Perlustrare
 
Scoprire
 
Esplorare
 
Succhiare
 
Odorare
 
L’anima si
 
Può?
 
La rondine no?
 
No No No
 
Non ci sto
 
Divento per la gente
 
Poco intelligente
 
Puttana
 
Seguo la mia tardiva mattana
 
E chi se ne cale
 
Non faccio alcun male
 
E chi se ne frega
 
La pia donnetta prega
 
Non sono uno scalpo di pube
 
Implume
 
Come vuole
 
Il maschio costume
 
Da collezionare
 
Che a me stessa so badare
 
Due lombi da fottere
 
Da penetrare
 
Quel che sono lo so
 
Una donna intera da amare
 
Una rondine che vuole
 
Gustare
 
Il suo rapporto sessuale
 
Il buco della serratura
 
E non per paura
 
Ho oscurato
 
In camera mia da letto
 
Entra sol chi ho invitato
 
Per mio e suo diletto
 
Mi arrogo il diritto
 
Anche se non è da nessuna parte scritto
 
Di far ciò che mi piace
 
Ciò che desidero veramente
 
Ciò che la mia rondine vuole
 
In faccia al mondo
 
Perseguire il suo sole
 
La mia rondine è viva
 
Evviva
 
Finalmente
 
Che al cuore non mente
 
E’ vera
 
E’ primavera
 
Tanta primavera
 
Prima che giunga sera
 
Rosanna Marani | 25 febbraio 2012 at 21:51 | Etichette: Dell, emozioni riflessioni scopata rapporto sessuale, Io (moon), Italy, La mia rondine, Lombardy, London, madonna, piacere, rosanna marani, Tanta, Tuscany, Una | Categorie: Amore, Divulgazione, Emozioni, Poesia, Riflessioni, Rispetto per la vita, Segnalazione, Sesso | URL: http://wp.me/p15KMZ-K6